Sciopero

Sciopero
2000 admin
In Works

Leggi l'articolo intero

Sciopero

 

Sciopero nasce da un video amatoriale girato in super8 da Primo Cazzaniga nel 1972 a Milano per documentare la lotta degli operai della fabbrica Bombelli, la seconda fabbrica ad essere occupata in quegli anni dopo la Pirelli nella cintura milanese. Da un girato di diverse ore è uscito questo video, sono quattro sequenze: il cibo (si mangia molto e si tratta), i soldi (della solidarietà), il riposo (nelle tende dei picchetti ai cancelli della fabbrica) e poi l’ ultima il muro di cinta con alcuni operai che lo scavalcano e si preparano per andare a manifestare in città, forse la più significativa perchè indica l’inizio della fine della fabbrica fordista. Certamente non è celebrativo di nessuna vittoria o sconfitta perché se da
una parte racconta l’uscita dalla fabbrica e la conquista festosa e liberatoria del centro della città, dall’altra c’è la disseminazione della fabbrica che in realtà non sparisce ma  fluidificandosi si espande, si dilegua nel territorio, tra le strade e dentro le case dando forma al sistema integrato  postfordista. Sono le relazioni, è il linguaggio, sono i corpi desideranti, esattamente quei corpi-macchine desideranti che Deleuze sottrasse alla fabbrica,  le nuove materie prime della produzione.

 

girato in pellicola super8

dvd,  16’51”

1972/2000

 

Sciopero nasce da un video amatoriale girato in super8 da Primo Cazzaniga nel 1972 a Milano per documentare la lotta degli operai della fabbrica Bombelli, la seconda fabbrica ad essere occupata in quegli anni dopo la Pirelli nella cintura milanese. Da un girato di diverse ore è uscito questo video, sono quattro sequenze: il cibo (si mangia molto e si tratta), i soldi (della solidarietà), il riposo (nelle tende dei picchetti ai cancelli della fabbrica) e poi l’ ultima il muro di cinta con alcuni operai che lo scavalcano e si preparano per andare a manifestare in città, forse la più significativa perchè indica l’inizio della fine della fabbrica fordista.[…]

Comments (0)

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*